Klondike al 4YFN del Mobile World Congress

Klondike_MWC

Indice

Dopo la nostra partecipazione al Web Summit 2021 di Lisbona, Klondike è tornata a un altro evento di scala europea e internazionale: il Mobile World Congress a Barcellona, organizzato dal 28 febbraio al 3 marzo.

La nostra partecipazione (all’evento interno 4YFN – For Years From Now dedicato alle startup) è stata resa possibile grazie alla vittoria a novembre della quarta edizione del premio My Start BCN, competition promossa dalla Camera di Commercio Italiana di Barcellona in collaborazione con I3P – Politecnico di Torino, Abinsula e Banco Mediolanum. 

 

Cosa è il Mobile World Congress?

Il Mobile World Congress, a Barcellona dal lontano 2006, è un evento che, una settimana all’anno, trasforma la capitale catalana nella vetrina mondiale riguardo le ultime innovazioni e tendenze tecnologiche nel campo della telefonia mobile. 

Molto è cambiato da quella prima edizione. Basti pensare che allora i telefoni avevano una tastiera fisica, erano pieghevoli e di piccole dimensioni, le fotocamere arrivavano fino a due megapixel e il Bluetooth era lo strumento più utilizzato per connettere diversi dispositivi tra loro. In 16 anni il mondo tecnologico del mobile è cambiato radicalmente e si sono aperti nuovi scenari che prima non erano minimamente immaginabili.

Dopo che le ultime due edizioni sono state fortemente influenzate dalla pandemia, con gli eventi che sono stati cancellati o rinviati, svolti in digitale o in forma ibrida, i partecipanti della 17esima edizione del MWC sono finalmente tornati a riempire in presenza la Fira de Gran Via.

 

L’evento

Avendo la fortuna di poter essere ospitati (gratuitamente) dal nostro Lorenzo Tiberi – COO & Co-Founder di Klondike che abita già a Barcellona da un paio di anni – arriviamo qualche giorno prima qui a Barcellona per preparare al meglio la nostra partecipazione.

Tra paella e tapas di ogni genere, tra lunghe passeggiate e qualche visita culturale, ci ambientiamo velocemente al clima catalano. Forse un po’ troppo! Ci sentiamo talmente a nostro agio che, vista la calda domenica di fine Febbraio, prendiamo coraggio e decidiamo di tuffarci in mare. Non la migliore scelta presa durante questa settimana, vista la temperatura dell’acqua di soli 13 gradi.

mwc

Arriviamo al lunedì carichi per iniziare questa nuova avventura. Il MWC è evento diverso dal Web Summit che è molto più incentrato sulle startup, ma non per questo meno interessante: qui a fare da padrone è ovviamente il mobile. Il clima che si respira rispecchia una forte volontà di ripresa. L’affluenza è importante e certifica il desiderio di voler voltare pagina e di ritornare alla normalità: le persone registrate sono circa 60 mila, il doppio rispetto allo scorso anno ma un numero ben lontano dalle 109 mila registrate nell’edizione 2019. Le aziende espositrici sono circa 1500, provenienti da 183 paesi differenti. Sono comunque numeri che fanno ben sperare.

La situazione tra Ucraina e Russia è a chilometri da qui ma di certo è uno dei pensieri fissi di ogni visitatore. È persistente un filo di ansia che porta spesso nel corso della giornata a dedicare qualche minuto alla ricerca di notizie (nella speranza ce ne siano di buone). All’entrata vengono distribuiti dei fiocchi giallo-blu per manifestare solidarietà verso il popolo ucraino, un piccolo gesto che di certo non cambierà le sorti di questo conflitto ma che comunque crea un bel momento di umanità e unità.

Come conseguenza a questa situazione, gli organizzatori del MWC hanno deciso, in linea con le attuali sanzioni politiche e governative, di bloccare le esposizioni del padiglione russo, e di fatto escludere la Russia dell’evento

Passeggiando tra i vari stand le novità sono davvero tante: gli smartphone e i tablet sono di ultimissima generazione e di ogni tipologia – la concorrenza è serratissima – e gli accessori tra i più disparati. Legato al tema del mobile c’è chiaramente quello del 5G e di come sia possibile sfruttare al massimo la nuova rete veloce (c’è addirittura un barman-robot che prepara i cocktail!).

Una delle più grandi – e attese – novità è sicuramente quella che riguarda il metaverso. Sono veramente tantissime le aziende che hanno abbracciato con entusiasmo questa novità, un ibrido tra fisico e virtuale, e hanno esplorato le possibili e svariate applicazioni che possono andare dall’industria 4.0 all’intrattenimento, dall’istruzione alla salute, passando per le relazioni sociali.

Klondike_MWC
InShot_20220303_114832010

4YFN, l’evento interno dedicato alle startup

Anche quest’anno all’interno della fiera (nelle edizioni fino al 2019 questa manifestazione si era svolta nei padiglioni di Montjuic), il 4YFN – 4 Years From Now è la parte del MWC dedicata alle startup

Per le oltre 500 startup provenienti da diversi paesi questa è indubbiamente un’ottima vetrina europea e internazionale che consente a startup, investitori e grandi aziende di entrare in contatto tra loro e facilitare in questo modo forme di collaborazione. L’ecosistema digitale presente racchiude startup di ogni settore e le tecnologie usate sono veramente molte: Intelligenza Artificiale, automazione, big data, IoT, realtà virtuale e aumentata, robotica, blockchain, metaverso…

Klondike_4YFN
Klondike_4YFN

Appena entrati nel padiglione 6 si percepisce subito il cambiamento. Si passa dagli stand delle grandi corporate, caratterizzati da schermi giganti e luci sfavillanti, ai moltissimi piccoli corridoi dove gli espositori sono pieni di attività.

Si tengono di continuo conferenze in molti spazi dedicati, speech e keynote nei quali startupper, investitori e professionisti del settore condividono le loro opinioni ed esperienze. Sono veramente tantissimi gli speaker (giusto per fare qualche nome: Oscar Pierre e Maximilian Tayenthal, rispettivamente Co-Founder Glovo e N26, entrambi unicorni), ma tutte le conferenze sono veramente stimolanti e di valore assoluto.

Oltre il 4YFN

Di certo Barcellona è una città viva, dinamica e cosmopolita. L’ambiente del 4YFN è veramente molto giovanile, e i nostri giorni catalani vanno anche oltre la fiera.

Sono di fondamentale importanza e assolutamente stimolanti gli eventi organizzati una volta terminata la giornata al MWC (ai quali ovviamente non potevamo mancare) che ci permettono di scambiare due chiacchiere e conoscere nuove realtà. Partecipiamo ad alcuni interessanti party, anche grazie ai preziosi consigli dei nostri “amigos” e vicini di stand di Ikigai (grazie ancora per la felpa regalataci!) e il giovedì sera – per chiudere la nostra avventura spagnola nel migliore dei modi – partecipiamo a un evento organizzato da Levels Up.

In mezzo una serata più formale, ospiti a casa del Console italiano di Barcellona Emanuele Manzitti, invitati grazie alla vittoria del premio My StartBCN. Una serata sicuramente diversa che ci dà l’occasione di conoscere (di persona e non solo digitalmente) altre notevoli realtà italiane presenti al MWC con ICE (Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane) e con la Regione Puglia.

L’ecosistema di Barcellona è attualmente fra i migliori nell’Unione Europea per creazione di una startup e il 2° hub preferito dai fondatori – anche internazionali – per creare un’azienda digitale emergente. L’aria che si respira è quella che nei prossimi anni il WMC acquisirà sempre più importanza e diventerà un punto di riferimento per le fiere in Europa e nel mondo. 

E Klondike sarà presente! Appuntamento al prossimo Mobile World Congress!!

More To Explore

Vuoi automatizzare il tuo Business?​

Contattaci e raggiungi il prossimo livello